Sei in: Home > Attività > Rubriche > Per un viaggio sereno occhi all'alimentazione

vai al sito Roma onlineRubriche della categoria: ReportAci

Per un viaggio sereno occhi all'alimentazione


Per un viaggio sereno occhi all'alimentazione

05.09.2017

ReportAci

L'alimentazione riveste un ruolo molto importante per la sicurezza stradale, soprattutto quando si deve affrontare un lungo viaggio e al nostro organismo viene richiesto uno sforzo diverso da quelli abituali. Per questo, chi si mette al volante dovrebbe sempre conoscere e rispettare alcune fondamentali regole alimentari, per evitare rischi che possano compromettere la propria vita e quella degli altri utenti della strada: primo fra tutti l'irresistibile sonnolenza che assale chi ha appena consumato un pasto troppo abbondante o difficile da digerire, magari accompagnato da un bicchiere di vino o di birra. Ecco allora dieci semplici consigli pratici per mangiare sano e guidare in tutta sicurezza.
1) Partire leggeri - Se si parte di mattina consumare una colazione leggera e nutriente, soprattutto a base di carboidrati (cereali con latte o yogurt, pane, marmellata, miele, una banana o una spremuta di frutta). Se, invece, la partenza è prevista nel pomeriggio o la sera è preferibile un pasto leggero (categoricamente da evitare cibi grassi, fritture e piatti molto elaborati) e concedersi un breve sonno di 30-60 minuti prima di mettersi al volante;
2) Soste frequenti - Durante il viaggio evitare i pasti abbondanti e programmare brevi soste per consumare piccoli e frequenti spuntini. In questo modo l’organismo non sarà appesantito da lunghe e difficili digestioni e avrà sempre a disposizione una sufficiente riserva di calorie. Diversamente da quanto si crede, il consumo di energia anche nei viaggi più lunghi è piuttosto limitato e, dunque, non occorre affatto eccedere nell'alimentazione;
3) Spuntini light - Per i piccoli pasti da consumare nelle varie tappe di viaggio scegliere sempre alimenti facilmente digeribili, ancora una volta con prevalenza di carboidrati: pane, frutta, verdure, ma anche pasta, riso e qualche dolce o una barretta di cioccolata, purché senza eccedere mai nelle porzioni e nei condimenti (decisamente sconsigliate, ad esempio, lasagne e paste farcite);
4) Proteine sì, ma occhio ai grassi - Nella scelta delle proteine, anch'esse indispensabili per una sana ed equilibrata alimentazione, durante il viaggio evitare le pietanze troppo sostanziose, le carni grasse e gli insaccati di maiale come salsicce e cotechini (la classica bistecca rossa, ad esempio, richiede una lunga digestione che comporta sonnolenza). Meglio limitarsi a carni bianche (pollo senza pelle, tacchino e coniglio), bresaola, prosciutto magro e pesce;
5) Peccati di gola - Evitare di farsi prendere dalla gola consumando brioche, krapfen e altri dolci farciti con creme o mascarpone. Evitare anche i prodotti alimentari industriali ricchi di additivi e conservanti, i rustici con pasta sfoglia e i panini ripieni conditi con troppe salse;
6) Al volante non si mangia - Non mangiare mentre si guida ed evitare anche di sgranocchiare per noia snack e patatine: il rischio è soprattutto quello di distrarsi e di allungare pericolosamente i tempi di reazione in caso di improvvisa necessità;
7) Alcolici? No grazie! - Non assumere bevande alcoliche quando si guida: l'alcol non aiuta la digestione, anzi la rallenta causando drastici cali di attenzione e di concentrazione. Il senso di ebbrezza che deriva dall'assunzione di tali bevande, anche mantenendosi entro i limiti tollerati dalla legge (0,5 gr/l), può spingere il conducente a sottovalutare i pericoli della strada e a tenere comportamenti indisciplinati e irresponsabili. In ogni caso, per i minori di 21 anni, i patentati da meno di 3 anni e per i conducenti professionali l'alcol alla guida è assolutamente vietato;
8) Tanta acqua, senza ghiaccio - Bere molta acqua, ricordando sempre che i liquidi troppo freddi possono causare congestioni. Preferire quindi acqua fresca, non ghiacciata, e bere sempre a piccoli sorsi, con qualche pausa, per eliminare la sete con gradualità. Quando il caldo è molto forte si può fare ricorso anche a bevande specifiche per gli sportivi, addizionate con sali minerali e vitamine, addolcite con zuccheri semplici;
9) Con pochi zuccheri è meglio - Evitare le bevande che contengono troppi zuccheri, così come il consumo eccessivo di caramelle, cioccolata e altri prodotti ad elevato contenuto di zuccheri: al sollievo procurato da un rapido innalzamento della glicemia, infatti, segue normalmente un calo glicemico che ha serie ripercussioni in termini di stanchezza, riduzione dell'attenzione e sonnolenza;
10) Un caffè va bene, ma …. - Un caffè aiuta la digestione e può essere un ottimo motivo per concedersi una breve pausa durante il viaggio, ma attenzione: berne troppo non solo non allontana il rischio del colpo di sonno (superata una certa dose la caffeina non ha più alcun effetto a questo scopo), ma anzi può causare frequenze cardiache irregolari, tremori, sudori freddi, stati di ansia e irritabilità, compromettendo l'equilibrio psico-fisico di chi è al volante.