Sei in: Home > Attività > Rubriche > Incidenti stradali, attenzione al maltempo

vai al sito Roma onlineRubriche della categoria: ReportAci

Incidenti stradali, attenzione al maltempo


Incidenti stradali, attenzione al maltempo

01.12.2015

ReportAci

Secondo gli ultimi dati Aci-Istat, nel 2014, in Italia sono stati registrati, in presenza di avverse condizioni meteo, 24.851 incidenti stradali, con 431 morti e 36.221 feriti. Al maltempo, quindi, sono associati il 14 per cento dei 177.031 sinistri rilevati in Italia, il 12,7% dei 3.381 decessi ed il 14,4% dei 251.147 infortuni stradali. Tra i fenomeni meteorologici più pericolosi per la circolazione veicolare, la pioggia si distingue per essere la condizione durante la quale si verifica il maggior numero di sinistri: 22.948, molti di più di quanti se ne osservano in presenza di nebbia (1.360), neve (276), vento forte (196) o grandine (71). Se, però, si considerano le conseguenze, gli incidenti che avvengono in concomitanza della nebbia sono molto più letali, con una media di  2,9 morti ogni 100 sinistri (con la grandine se ne contano 2,8, con il vento forte 2,6, con la pioggia 1,7 e con la neve 1,4). Mentre i più alti indici di lesività si registrano quando ci sono neve (163,4 feriti ogni 100 incidenti),  grandine (157,7) o vento forte (151).  In ogni caso, sia l’indice di mortalità che quello di lesività in presenza di maltempo risultano sempre superiori a quelli rilevati in condizioni di tempo sereno (pari, rispettivamente, a 1,9 e 140,8).
Appare evidente, insomma, che in situazioni meteo avverse aumentano i rischi sulle strade e, perciò, occorre seguire una condotta di guida ancora più responsabile e prudente. In particolare, quando piove è opportuno procedere ad andatura moderata, evitando bruschi cambiamenti di velocità ed improvvise sterzate. In proposito, estremamente insidioso è il fenomeno dell'aquaplaning (quando cioè tra pneumatico e fondo stradale si forma uno strato d’acqua  che provoca una rapida perdita di aderenza), che rischia di far perdere il controllo del veicolo, soprattutto se si viaggia a velocità sostenuta, con pneumatici sgonfi e battistrada usurato. Altri pericoli possono essere rappresentati dalle pozzanghere, quando - come spesso accade - non se ne conosce la profondità.  I rischi insiti nella ridotta aderenza, inoltre, impongono una maggiore attenzione alla distanza di sicurezza da osservare che, a seconda delle condizioni, va aumentata considerevolmente, onde evitare brusche frenate che sul terreno bagnato possono rendere ingovernabile il veicolo. Si tenga conto che nelle frenate di emergenza con blocco delle ruote, su terreno bagnato, i principali pericoli a cui si va incontro sono l'allungamento dello spazio di arresto e l’incontrollabilità del veicolo che non risponde ai comandi dello sterzo.
Quando si guida in presenza di nebbia, neve, forte  pioggia e, comunque, in tutte le condizioni di scarsa  visibilità è obbligatorio tenere accese le luci di posizione, quelle della targa ed i proiettori anabbaglianti. Un’attenzione particolare è opportuno dedicarla al parabrezza che deve essere tenuto sempre pulito ed in uno stato tale da garantire all’automobilista un’ampia capacità visiva. Perciò è essenziale controllare i sistemi di disappannamento dei vetri ed i tergicristalli. Questi ultimi, in particolare, svolgono un compito molto importante in presenza di maltempo e pioggia a dirotto: un loro eventuale cattivo funzionamento potrebbe, infatti, creare seri inconvenienti a chi è al volante del veicolo. Se, per esempio, lasciano delle striature o non puliscono bene il cristallo è bene verificare lo stato d’usura delle spazzole:  attenzione, soprattutto, ad eventuali crepe e spaccature che possono far saltare parte della gomma mettendo a contatto la struttura metallica con il parabrezza, rischiando di rigarlo. Se, invece, i tergicristalli sobbalzano sul vetro o non puliscono i bordi, ciò potrebbe  dipendere dai bracci difettosi o da una pellicola invisibile di grasso depositata sul cristallo. Occhio anche alla vaschetta contenente il liquido lavavetri (è importante tenerla sempre piena) ed agli ugelli che devono essere orientati correttamente e non ostruiti. Ed a proposito di visibilità, ove possibile, è bene montare un sistema di fari di ultima generazione (con lampadine 'fredde') con antinebbia correttamente orientati, in modo da non abbagliare gli automobilisti che si incrociano.