Sei in: Home > Attività > Rubriche > Nuovi test per la sicurezza dei pedoni

vai al sito Roma onlineRubriche della categoria: ReportAci

Nuovi test per la sicurezza dei pedoni


Nuovi test per la sicurezza dei pedoni

24.11.2015

ReportAci

Si è svolta presso la sede dell’ACI Napoli a Fuorigrotta, la Giornata della Trasparenza, così come previsto dal Decreto Legislativo n.150/2009, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni. Durante  l’incontro, il Direttore dell’Ente, Guglielmo Parisi, ha illustrato le attività realizzate nel corso dell’anno dal sodalizio partenopeo, con particolare riferimento alle iniziative messe in atto per promuovere la “mobilità responsabile”. Nello specifico, si è soffermato sulla campagna di sensibilizzazione “Entra nel Club dei Tifosi della Legalità”, con le recenti adesioni del Vice Presidente della Camera Luigi Di Maio, del Prefetto Gerarda Maria Pantalone, del Procuratore Generale di Napoli Luigi Riello e del Presidente dell’Eav Umberto De Gregorio. Nel corso dell’incontro si è inoltre parlato di sicurezza stradale e della quarta edizione della campagna realizzata in tandem con la Diocesi di Napoli, “ ‘A Maronna t’accumpagna…ma chi guida sei tu!”, che, quest’anno,  ha visto l’eccezionale testimonianza di Papa Francesco il quale, in occasione del suo incontro, a Napoli, con i giovani, ha lanciato un accorato messaggio in difesa della vita, indossando un casco per moto. La giornata ha rappresentato un importante momento di confronto e riflessione con gli stakeholder interni ed esterni sulle attività svolte dall’Automobile Club e su come migliorare le sue performance. L’incontro si è concluso con la riunione degli organizzatori della Campania per definire il calendario 2016 dell’attività sportiva automobilistica.

*******

L’incidentalità di pedoni e ciclisti, a livello europeo e mondiale, è in aumento. Da questo preoccupante dato nasce l’ideazione del nuovo test EuroNCAP - il protocollo internazionale di cui ACI fa parte – per meglio valutare i sistemi di sicurezza installati a bordo dei veicoli al fine di evitare l’impatto,  o, quanto meno, di ridurne le conseguenze, con i pedoni.
I nuovi test sono i primi al mondo a mettere sotto osservazione i sistemi di assistenza al guidatore dal punto di vista del pedone. Molte auto nuove oggi già offrono sistemi di AEB (Autonomous Emergency Braking)  che possono prevenire le collisioni fra autovetture, ma solo alcuni sembrano in grado di evitare un pedone. I risultati dei controlli EuroNCAP consentiranno, pertanto, ai consumatori di verificare le offerte di sicurezza dei costruttori e di scegliere la migliore opzione AEB.
Nel 2014, in Europa, a causa degli incidenti stradali hanno perso la vita 26mila utenti deboli. Si stima che per ogni morto si contano quattro feriti con disabilità permanenti ed otto infortunati gravi. Analisi indipendenti condotte in Germania e nel Regno Unito indicano che l’installazione sulle auto di efficienti sistemi di frenata autonoma di emergenza può prevenire un sinistro su cinque di quelli che vedono coinvolti i pedoni in modo grave. Molte collisioni accadono quando il conducente non frena o lo fa in ritardo, spesso per distrazione, ma molte volte anche perché il pedone attraversa improvvisamente e maldestramente la strada. Le funzioni dell’AEB utilizzano laser, radar e/o telecamere per evitare sinistri imminenti, arrestando in tempo utile il veicolo o riducendo significativamente la velocità di impatto.
I nuovi test di EuroNCAP valuteranno i sistemi di protezione del pedone in specifiche situazioni di circolazione in ambito urbano: quando un adulto, all’improvviso, attraversa la strada camminando o correndo e quando un bambino sbuca all’improvviso da dietro un’auto in sosta. Per ottenere una buona valutazione le autovetture dovranno essere in grado di evitare la collisione ad una velocità di circa 40km/h. Per andature superiori, tra i 40 e i 60 km/h, il test misurerà se la riduzione della velocità di collisione, dovuta all’intervento del sistema AEB,  sarà sufficiente a limitare le conseguenze dell’impatto.