Sei in: Home > Attività > Rubriche > Infrazioni ed autovelox

vai al sito Il MattinoRubriche della categoria: AutoAci

Infrazioni ed autovelox


Infrazioni ed autovelox

28.05.2010

AutoAci

L’obbligo di segnalare gli autovelox ha prodotto una riduzione degli illeciti nel 53% dei Comuni interpellati dalla Fondazione ACI “Filippo Caracciolo”, nell’ambito dello studio “Polizia Locale e Sicurezza, la stagione delle riforme” presentato al terzo Forum Internazionale delle Polizie Locali, organizzato dall’Automobile Club d’Italia a Riva del Garda. Malgrado 47 comandi su 100 ritengano che la norma vanifichi ogni possibilità di controllo della velocità, il 44% degli operatori pensa invece che privilegi la prevenzione ed eviti impieghi distorti delle apparecchiature elettroniche. I migliori risultati nella riduzione degli incidenti si sono registrati al sud (-23,7%), poi nelle isole (-17,9%) e al centro (-15,9%). Modesti, invece, i risultati conseguiti nel nord-ovest (-7,5%) e nord-est (-5,6%). Sotto il profilo della diminuzione degli illeciti, invece, gli esiti migliori si sono registrati nei comuni di media dimensione (-50%) e, a seguire, nelle piccole (-36,9%) e grandi città (-35,1%). Per aree geografiche, le riduzioni più significative delle infrazioni sono state rilevate nel nord-est (-59,8%) che precede, nell’ordine, il nord-ovest (-46,7%), il centro (-36,6%), le isole (28,4%) ed il sud (-17,5%). Lo studio dell’Aci evidenzia anche che il 37% degli operatori non conosce a fondo le riforme. In particolare, il livello di percezione delle riforme tra gli addetti ai lavori risulta elevato (63%), ma il 2% dichiara di non saper nulla ed il 35% ammette di averne una conoscenza piuttosto vaga. Il livello di consapevolezza risulta più elevato nei grandi comuni (73,3%), rispetto a quelli medi (51,4%) o piccoli (53,8%).